Fantasmi d’infanzia
13
Set

TORINO SPIRITUALITÀ
sabato 23 settembre ore 15 | Teatro Gobetti

con Michele Mari e Domenico Starnone
conduce Francesco Piccolo

La nostra infanzia non si cancella con il succedersi delle età ma resta in noi per sempre, con le sue metamorfosi, le sue esperienze e i suoi traumi.  Ci sono tuttavia dei luoghi in cui questa fantasmatica presenza bambina si fa avvertire con un’intensità speciale, accarezzandoci o schiaffeggiandoci con il ricordo di ciò che siamo stati.  Sono le case che abbiamo abitato, colme degli oggetti ai quali abbiamo affidato l’anima, sature delle fantasie gioiose e malinconiche che vi abbiamo covato.  Nidi intrisi di noi, dove, direbbe J.L.Borges, risiedevamo ancor prima di nascere.

I possessori della Carta Plus possono prenotare il posto in sala.

 

Michele Mari
Scrittore, saggista e traduttore, insegna Letteratura italiana all’Università di Milano.  I suoi romanzi, da Euridice aveva un cane (Einaudi 1993) a Tu, sanguinosa infanzia (Einaudi 1997), da Roderick Duddle (Einaudi 2014) al recente Leggenda privata (Einaudi 2017) sono ricchi di presenze infantili, spesso autobiografiche.

Domenico Starnone
Scrittore, è stato insegnante e redattore delle pagine culturali de il manifesto.  Dai suoi romanzi e racconti sulla vita scolastica sono stati tratti i film La scuola e Auguri professore.  Nel 2001 ha vinto il premio Strega con Via Gemito (Feltrinelli). Scherzetto (Einaudi 2016) è il suo ultimo romanzo.

Francesco Piccolo
Scrittore e autore per cinema e televisione, ha firmato sceneggiature per Nanni Moretti, Paolo Virzì, Silvio Soldini e Francesca Archibugi.  Nel 2014 ha vinto il Premio Strega con il romanzo Il desiderio di essere come tutti (Einaudi 2013).