Amarcord bianconero
23
Lug

lunedì 17 settembre ore 18.30

Memorie autobiografiche di un calcio dal volto umano

presentazione del libro di e con ERNESTO FERRERO edito da Einaudi
con Giovanni De Luna, storico e Carlo Ossola, filologo

Ernesto Ferrero, qui in veste di giovane tifoso juventino, racconta di quando l’epica di un calcio dal volto umano era ancora parlata e scritta: affidata alle radiocronache di Nicolò Carosio, alle immaginifiche descrizioni dei settimanali sportivi e poi di Gianni Brera, alle figurine, ma anche a scrittori come Saba, Soldati, Pasolini, Sereni, Arpino, Soriano.
Gli anni sono quelli del Dopoguerra, segnati dalla storica Italia-Inghilterra, dalla tragedia del Grande Torino e dall’indimenticabile trio l’astuto «cardinal» Boniperti, John Charles, il gigante buono, e Omar Sivori, il beffardo coboldo italo-argentino.Insieme a loro, altri campioni e gregari, un’intera città in amore, il suo carismatico monarca Gianni Agnelli.  Il calcio diventa una lente con cui guardare un tempo incantato che sembra ormai remoto.  Le storie famigliari (il padre che aveva giocato nelle squadre giovanili, la nonna che confeziona bandiere), gli incontri e i singoli ritratti si sciolgono con naturalezza in quella grande metafora della vita che è il calcio, linguaggio universale in cui c’è dentro tutto: il singolo e il gruppo, il valore e la fortuna, il metodo e l’estro, la beffa e il riscatto.