Aspettando il Salone del Libro
8
Apr

venerdì 12, martedì 16 aprile e martedì 7 maggio

Aspettando il Salone Internazionale del Libro con
La Milanesiana 2019 e Bookcity Milano

La distanza tra Torino e Milano si accorcia, grazie alla collaborazione tra il Salone Internazionale del Libro e due importanti realtà culturali del capoluogo lombardo, La Milanesiana 2019, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi e Bookcity Milano, festa dei libri e della lettura che anima la città dal 13 al 17 novembre 2019.
Il viaggio che porta alla 32.  edizione della più grande fiera editoriale italiana, dopo gli eventi realizzati con BookPride, Fiera nazionale dell’editoria indipendente, farà di nuovo tappa a Milano, per dare vita ad altre nuove e felici sinergie e rafforzare così il legame tra le due città, attraverso la collaborazione tra le realtà che ne animano la vita culturale.
L’anteprima della Milanesiana 20a edizione, grande laboratorio di eccellenza di letteratura, cinema, musica, arte, scienza e filosofia, è in collaborazione con il Salone Internazionale del Libro di Torino e Bookcity Milano e si tiene venerdì 12 aprile alle ore 18 presso il Teatro Franco Parenti (via Pier Lombardo, 14).  Con l’intento di far incrociare saperi e arti diverse, sia per provenienza culturale che disciplinare, il dialogo Lo stato dell’arte tra Russia e Europa, che anticipa la rassegna, è un confronto tra il regista e sceneggiatore russo Aleksandr Sokurov e Vittorio Sgarbi, critico d’arte.  Dai ritratti immaginari di tre potenti del Novecento, Hitler, Lenin e Hirohito, al viaggio prodigioso e sognante nell’universo dell’Ermitage di Arca Russa, Sukurov è un grande visionario contemporaneo capace di alternare messinscena e documentario in una fusione di finzione e realtà.
Intervengono Alena Shumakova, traduttrice ed esperta di cinema, Nicola Lagioia, direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino, ed Enrico Ghezzi, critico cinematografico, autore televisivo e scrittore.  A introdurre gli ospiti, i saluti della direttrice Elisabetta Sgarbi, della regista teatrale Andrée Ruth Shammah e di Piergaetano Marchetti, presidente della Fondazione Corriere della Sera. (Ingresso con biglietto TFP cortesia 3,50 euro | Info e prenotazioni 0259995206)

La collaborazione tra il Salone Internazionale del Libro e Bookcity Milano, invece, ha portato all’ideazione di due incontri che vedranno confrontarsi le migliori voci della letteratura italiana contemporanea.
Il primo si svolge martedì 16 aprile alle ore 18.30 presso la Fondazione Corriere della Sera (Sala Buzzati, via Solferino, 26) e ha come protagonisti Claudia Durastanti, di recente nella dozzina del Premio Strega con La straniera (La nave di Teseo) in un inedito dialogo con l’editorialista del Corriere della Sera e opinion writer per The New York Times, Beppe Severgnini, proprio a partire dai temi dell’ultimo romanzo-memoir della scrittrice, un’indagine sul sentirsi sempre stranieri e ubiqui.  Intervengono il direttore del Salone Nicola Lagioia e il presidente della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori Luca Formenton.
Quando si gioca alla lista dei più grandi scrittori italiani viventi, Michele Mari e Walter Siti non mancano mai.  Proprio loro sono i protagonisti martedì 7 maggio alle ore 18.30 sempre presso la Fondazione Corriere della Sera di un incontro a partire da Scuola di demoni, conversazione in forma di saggio che verrà pubblicato, in concomitanza dell’incontro, da minimum fax.  Spesso ricordati insieme, uno accanto all’altro, come poli opposti di due tendenze o tensioni letterarie, si confrontano con Carlo Mazza Galanti e Piergaetano Marchetti sul mestiere della scrittura, sullo stato delle lettere e sul presente. (Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria rsvpfondazionecorriere.it).