Le cozze di acqua dolce, formidabili depuratori
26
Ott

martedì 13 novembre ore 11 | Liceo scientifico Carlo Alberto, Novara

con Nicoletta Riccardi, Institute of Water Reseaech
a cura di FAI Delegazione Novara

Il lago d’Orta, paragonabile ad una perla incastonata tra le Alpi, luogo di bellezza e di pace, è altresì un esempio universalmente noto per il grave avvelenamento che ha subito all’inizio del ‘900.  L’equilibrio ambientale spezzato dall’uomo è stato solo in parte ripristinato dall’intervento di liming (abbattimento di acidità e metalli con carbonato di calcio, che ha avuto luogo alla fine degli anni ’80).  Le acque cristalline di oggi sono potenzialmente soggette a nuovi attacchi e nei fondali sono ancora presenti le sostanze tossiche abbattute nell’intervento di bonifica.  Il valore del lago non è costituito solo dalla sua attrattività turistica, ma anche da tutti i beni e servizi che possiamo ricavarne: ad esempio è una grande riserva d’acqua, bene primario e sempre più minacciato.  Abbiamo deciso di proporre il lago d’Orta come luogo del cuore perché tutti divengano consapevoli di questa criticità e ci aiutino a sostenere un progetto già delineato per il quale sono in programma alcuni test preliminari che mira a ristabilire l’equilibrio spezzato e risanare i fondali.  In questo possiamo farci aiutare dai migliori depuratori naturali che esistono: le cozze d’acqua dolce.  Vota anche tu per far diventare questo luogo il lago del cuore.