Le ingannevoli sirene
28
Gen

martedì 12 febbraio alle ore 18

La sinistra tra populismi, sovranismi e partiti liquidi

presentazione del libro di e con MASSIMO L SALVADORI edito da DONZELLI
con Sergio ChiamparinoPier Paolo Portinaro e Francesco Tùccari

Le elezioni del marzo 2018 hanno consegnato il nostro paese alla costituzione di un governo composto da Lega e 5Stelle.  Le due forze politiche hanno stretto un «contratto» nel quale sono contenute le linee di quello che hanno denominato il «governo del cambiamento»: un programma altisonante, col quale ambiscono a promuovere una vera e propria «rinascita nazionale», e si propongono come esempio e modello di quel vento populista e sovranista che spira ormai alle più diverse latitudini della politica mondiale e che punta ad imporsi quanto prima nello scenario europeo.  In questo piccolo libro «di battaglia», come l’autore stesso lo definisce, uno dei nostri storici più autorevoli traccia dapprima un efficace quadro d’insieme del percorso che ha portato, lungo il corso del secondo Novecento e di questo primo scorcio del nuovo millennio, alla crisi sempre più violenta della democrazia dei partiti e al diffondersi sempre più forte di una risposta modulata sulle corde dell’antipolitica.  Sono proprio i partiti politici, tradizionale pilastro e sostegno delle democrazie elettive, ad essere entrati violentemente e simultaneamente in crisi negli ultimi decenni.  È questa crisi – di rappresentanza, di spirito militante, di prospettiva politica – ad aver aperto la strada ai populismi.  Tutta una serie di errori e inefficienze che non erano inevitabili e che meritano un’adeguata riflessione critica: in particolare quelli della sinistra, il cui affanno, le cui divisioni interne, la «quasi inerzia» rappresentano un motivo di forte preoccupazione e di allarme.  Senza un ripristino, nell’idea e nella pratica, della funzione dei partiti, senza una vita nuova che sappia rianimarli, questa crisi della rappresentanza – ammonisce Salvadori – è destinata a perpetuarsi.