Leonardo da Vinci
22
Feb

marzo – maggio

All’interno del programma, coordinato dalla Città di Torino, per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, la Fondazione Circolo dei lettori ha curato gli appuntamenti:

giovedì 14 marzo ore 17
LECTIO DI JAVIER SIERRA
I MISTERI DEL GENIO
a partire da La cena segreta (DeA Planeta)
Premio Planeta 2017, il divulgatore spagnolo ha dedicato uno dei suoi libri al capolavoro rinascimentale di Leonardo da Vinci, quell’Ultima cena che continua da secoli a incantare, ma anche incuriosire gli occhi più attenti per l’universo di simboli e significati che racchiude.Ripubblicato per il 500.anniversario di Leonardo, il romanzo è oggi punto di partenza per un affascinante racconto fra arte, storia e genialità.
aspettando Salone Internazionale del Libro di Torino (9-13 maggio)

 

i lunedì 6-20-27 maggio ore 18
A TAVOLA CON LEONARDO, GENIALE COMMENSALE
tre lezioni con Barbara Ronchi della Rocca
L’icona italiana del galateo racconta ingredienti, banchetti e buone maniere fra commensali al tempo del Rinascimento, in compagnia di un Leonardo creativo anche a tavola, tra liste della spesa, ricette e scenografie culinarie.

→ lunedì 6 maggio
#1 CREATIVITÀ IN CUCINA _ LE INVENZIONI DI LEONARDO
Fonti storiche, aneddoti e liste della spesa dimostrano come Leonardo fosse un creativo anche in cucina e a tavola: propose nuove tecniche di cottura e presentazione di cibi, progettò forni e alambicchi, affumicatori per carni, girarrosto ad aria calda, macine e macinini.  E fu anche elegante intrattenitore di dame, ingegnere camerale che realizzava modellini architettonici di marzapane, regista e scenografo dei banchetti sforzeschi, esperto della simbologia di cibi e decorazioni.

→ lunedì 20 maggio
#2 I BANCHETTI DEL RINASCIMENTO _ COSA SI MANGIAVA
I prodotti made in America, scoperta da poco, non hanno ancora invaso l’Europa; così all’inizio del XVI secolo la tavola è ancora quella del tardo Medioevo: arrosti, paste ripiene, tirate e farcite, umidi e guazzetti, pasticci in crosta e trionfi con animali ricomposti e rivestiti con pelle e piume o coperti d’oro.Gusto dominante è il dolce, spesso inseparabile dal salato.  Lo status symbol è lo zafferano, base del risotto d’oro, che diventò simbolo della ricchezza del Ducato di Milano.

→ lunedì 27 maggio
#3 LE BUONE MANIERE _ COME SI MANGIAVA
Il banchetto rinascimentale è un rito, una dimostrazione simbolica di ricchezza e potere, segue regole cerimoniali e di etichetta: le differenze di censo si manifestano anche attraverso i cibi e ha significato anche l’esteriorità del gesto, il come si mangia.  E intanto si affacciano alla ribalta della storia oggetti che cambiano il rapporto tra uomo e cibo – dal tovagliolo alla forchetta – e stili conviviali pieni di implicazioni culturali e di civiltà, che dall’Italia verranno diffusi in tutta Europa.

 

leonardoatorino.it | visitpiemonte.com