PERCIÒ VENIAMO BENE NELLE FOTOGRAFIE
28
Mar

sabato 13 aprile ore 21.00

L’eterna attesa di una generazione precaria

reading a partire dal libro Mondadori con Francesco Targhetta, musica di Freddy Murphy e Chiara Lee

«Non si muove nessuno, qua, perciò veniamo bene nelle fotografie»: sono i versi che sintetizzano la condizione di una generazione, quella, talmente precaria da risultare ferma, dei personaggi che popolano il romanzo di Francesco Targhetta.  Tra una sbronza con alcolici di sottomarca, un pomeriggio in sala prove e la scrittura di una tesi sulla guerra del Piave, il protagonista combatte con un barone universitario e con tutti i compromessi che, dopo gli infiniti anni di formazione, entrare nel mondo comporta.  A scandire i suoi giorni, quelli di Teo, diviso tra call center e ambizioni da tagliatore di teste, e dei loro amici è un’eterna attesa, segnata da rabbie colossali, gioie inquinate, nostalgie cattive: la ricerca di una via di fuga che li conduca fuori dalla loro sala d’aspetto.