RIFIUTI ZERO
25
Feb

sabato 9 marzo ore 17

I dieci passi per la rivoluzione ecologica del vincitore del Goldman Environmental Prize 2013, Nobel alternativo per l’ambiente

presentazione del libro di e con ROSSANO ERCOLINI edito da BALDINI+CASTOLDI
con Gian Drogo, Zero Waste Italy
in collaborazione con Centro di Ricerca Rifiuti Zero di CapannoriZero Waste Italy

Tutti noi abbiamo un’idea sbagliata dei rifiuti in Italia.  Se pensiamo alle immagini dei cassonetti incendiati, degli scioperi dei netturbini che lasciano le strade sommerse di sacchi, se pensiamo alla tragedia della Terra dei fuochi e delle discariche fuori legge sparse in tutto il Paese dovremmo disperarci.Ma in realtà noi italiani siamo migliori di quello che crediamo… e ci raccontiamo.  Lo dimostra la realtà di Rifiuti Zero, movimento civico e filosofia di vita che nasce da una realtà internazionale ma di cui Rossano Ercolini è il principale artefice in Italia.  Grazie a uno sforzo «dal basso» di molte associazioni, il nostro Paese ha raggiunto un livello di raccolta differenziata superiore a quella di Inghilterra, Francia, e persino Danimarca e Olanda.  E ci sono già 276 comuni virtuosi che hanno abbracciato questo stile di vita.  Quindi si può vivere senza mandare tonnellate di rifiuti in inceneritori o in discarica, azzerando l’inquinamento che da essi deriva e non immettendo microplastiche nei mari?  La risposta è sì, e questo libro ci indica un modello in dieci passi: dalla corretta raccolta differenziata porta a porta, al compostaggio che trasforma in concime il nostro umido, dal riciclo dei materiali al dare una seconda vita a molti nostri oggetti ed elettrodomestici, da una bolletta che premi con incentivi i cittadini virtuosi a una accorta politica degli imballaggi che li riduca all’origine o li renda compostabili.  E questo significa arrivare a un nuovo concetto di discarica, non più come tomba del rifiuto ma come luogo di «stoccaggio provvisorio» in vista di una nuova vita.  Questa rivoluzione silenziosa è già in atto.  Va verso un nuovo mondo pulito, e dipende da una nuova collaborazione responsabile e lungimirante fra cittadini, istituzioni e produttori.  Perché mai come nel caso dei rifiuti, si può dire che il futuro del mondo è nelle nostre mani.

 

Photo credit: Goldman Environmental Prize