Senza chiedere il permesso. Il mondobastardo
11
Giu

lunedì 2 luglio ore 18

presentazione del libro di e con EZEL ALCU edito da END
con Giampiero Leo e il poeta Giulio Gasperini

Il mondobastardo è un libro in cui risuonano diverse voci, parole che sono espressione della personalità dirompente e contraddittoria dell’autrice, Ezel Alcu, ma che riportano anche altre voci, quelle di luoghi lontani dove si combatte una guerra lunghissima e infinite battaglie, sanguinose e drammatiche, i cui echi giungono qui solo per frammenti.  Sono le lotte di chi vuole portare avanti le idee di libertà del popolo kurdo, di una società nuova fondata sul femminismo e sul “confederalismo democratico” teorizzato da Ocalan e, infine, di contrasto al fondamentalismo violento dell’ISIS.
Ezel è una delle prime persone che il Valle d’Aosta ottiene lo status di rifugiata politica – era il 2009 – in virtù dell’oggettivo rischio che nel suo paese possa essere perseguitata per il suo attivismo politico, tuttavia in questo libro Ezel non ha voluto solo raccontare la sua lotta contro il genocidio perpetrato dalla Turchia contro il suo popolo o la violenza dell’ISIS, ha voluto mettere a nudo i suoi sentimenti più intimi, il tenero affetto verso il suo popolo, la sua famiglia e la sua casa, verso un affascinante comandante guerrigliero, verso nuove lotte che anche qui in Italia, con nuovi compagni, la chiamano per rafforzare un impegno che non smette mai di farle battere il cuore.
«Non sono una ragazza piena di miracoli – scrive Ezel –.  Nella mia strada ci sono state tante persone ad accompagnarmi, è stato un percorso lungo… alcuni sono caduti, altri stanno a migliaia di chilometri lontani, tanti altri ancora mi stanno a fianco nella parte sinistra.  E sento il dovere di ringraziarvi».
Anche il fumettista Zerocalcare ha voluto contribuire, insieme alla giornalista e studiosa Laura Schrader, al poeta Giulio Gasperini e alla scrittrice Isabella Maria, alla realizzazione del libro di Ezel regalando una prefazione a modo suo e arricchendo ulteriormente una pubblicazione che risuona di tante voci, che gode di tanti sguardi, ma che, nel profondo, soprattutto, saprà far apprezzare e affezionare il lettore alla bellissima e unica voce di Ezel, immersa, indomita, nel nostro “mondobastardo”.