Wilde, Strauss e la cultura europea
22
Gen

venerdì 16 febbraio dalle ore 10

Convegno internazionale nell’ambito di Festival Richard Strauss
ideazione e coordinamento scientifico di Alberto Rizzuti e Giangiorgio Satragni

Soggetto scandaloso e musica del nuovo secolo: quando Salome di Richard Strauss, composta sulla tragedia di Oscar Wilde, andò in scena a Dresda il 9 dicembre 1905, la società colta si ritrovò di fronte la perversione di un’adolescente rivestita di preziose sonorità Jugendstil, voltate in espressione di morbosa necrofilia.
Dopo quella data, nulla fu come prima nella storia della cultura, letteraria, musicale, figurativa; da allora fino a oggi ci s’interroga di continuo su quel capolavoro, indagandone fonti, significati, strutture, effetti, con nuove acquisizioni e rinnovati esiti.  Il convegno internazionale Wilde, Strauss e la cultura europea intende presentare lo stato più avanzato della ricerca sull’opera di Strauss e sulla preesistente tragedia di Wilde, con i migliori studiosi di letterature comparate e le figure di riferimento nell’indagine sul compositore.
Il filo rosso che, tra musica e letteratura, unirà le relazioni sarà quello sottile delle lingue: un testo scritto in francese da un irlandese, musicato in tedesco, ritradotto in francese per i teatri d’opera francofoni, voltato in italiano per il nostro Paese, restaurato infine nell’originale wildiano sotto le note di Strauss.
Verranno confrontati punti di vista drammaturgici, ipotesi di genere, prospettive d’interpretazione, fino a offrire un’anteprima sulla nuova edizione critica della partitura di Salome, di prossima pubblicazione in Germania.

→ ore 10 saluti istituzionali
Gastón Fournier-Facio, Teatro Regio
Leopoldo Furlotti, Arianna per la musica

→ ore 10.15 sessione I
modera Alberto Rizzuti 
Maria Teresa Giaveri, Torino: Tra Germania e Francia: percorsi di poesia e di musica verso «ce mot sombre, et rouge comme une grenade ouverte, Hérodiade»
Guido Paduano, Pisa: L’arresto del tempo drammatico nella Salomé di Wilde
Luca Zoppelli, Friburgo: “Sfera estetica” e “dialogo in prosa”. È possibile un raffronto tra dramma e opera?

→ ore 15 sessione II
modera Giangiorgio Satragni
Bernard Banoun, Parigi: Una Salomè europea.  L’opera di Strauss in francese, tedesco, inglese e italiano
Claudia Heine, Monaco di Baviera: More than triviality.  The critical edition of Salome and its versions
Walter Werbeck, Greifswald: Stage tone poem, Musikdrama or simply opera?  The genre of Salome
Bryan Gilliam, Durham, USA: Strauss’s “crazy jewish girl”: sexuality and modernism in Salome

È prevista la traduzione in simultanea.

a cura di Università di Torino / Dipartimento Studi Umanistici / Centro Studi sul Teatro Musicale, Arianna per la musica e Teatro Regio Torino
con il sostegno di Arianna per la musica
in collaborazione con il Circolo dei lettori