Spontanei, indipendenti, liberi. Sono gli scarabocchi, parole mal scritte, illeggibili, che ricordano delle macchie, segni strampalati e casuali. I bambini scarabocchiano quando non sanno scrivere o tentano di imitare la grafia dei loro fratelli più grandi, ma anche gli adulti lo fanno, magari sovrappensiero mentre sono intenti in altro.

Gesto semplice e schietto capace di sfuggire al controllo della mente, lo scarabocchiare è ricco di significati inattesi, indagati in un festival per bambini e famiglie, ideato e realizzato dalla Fondazione Circolo dei lettori e dalla rivista culturale doppiozero, patrocinato dalla Città di Novara.

In programma laboratori per bambini (dall’immaginazione può nascere qualsiasi cosa); laboratori per adulti (quando non è importante l’età che hai, ma solo la voglia e la curiosità che ci metti), laboratori per tutti (farlo insieme è più bello), laboratori per le scuole; lezioni (incontri per riflettere e ragionare insieme sui segni che lasciamo, sui grandi maestri dello “scarabocchiare”, sulle tecniche e sui significati); i luoghi del fare (all’aperto, nel cortile del Broletto, laboratori e attività continuative per i più piccoli, con macchine, stampati 3D, bioplastiche, piatti e pennarelli).

 

✏️ info.novara@circololettori.it
🌐 scarabocchifestival.it

Gli scarabocchi sono molto di più e di diverso di parole mal scritte, illeggibili, di macchie arrotolate sovrappensiero su un foglio.

Le edizioni

2021 | L'albero


I due grandi temi che hanno occupato i nostri pensieri e le nostre immaginazioni in questo anno e mezzo di pandemia: il corpo e la Natura. Il corpo perché i nostri corpi di bambini e di adulti erano esposti al rischio del contagio, della malattia e persino della morte. Poi subito dopo il pensiero è andato alla Natura intorno a noi, alle nostre città inquinate, all’aria che respiravamo, al bisogno di ritrovare un equilibrio con tutto ciò che non è un prodotto dell’uomo e del suo lavoro.
La Natura, di cui siamo parte, ha nell’albero un simbolo infantile intramontabile ed eterno. Così dopo l’anno scorso, in cui abbiamo concentrato sul tema del corpo la nostra attenzione nei laboratori del festival, quest’anno ci concentriamo invece su questo tema.

👀leggi il programma

😍guarda le foto

2020 | Corpi


Nei mesi di lockdown e di lontananza forzata abbiamo sentito l’esigenza di manifestare il nostro corpo, di farlo incontrare con quello degli altri. Ora è arrivato il momento di rimettere i corpi al centro, con tutte le cautele necessarie: il corpo dei bambini e dei genitori, il corpo degli artisti, il corpo della città e quello dei suoi spazi aperti.

👀leggi il programma

😍guarda le foto

2019 | Scarabocchi e animali


La stessa parola, “scarabocchio”, contiene in sé tracce animali: il linguista Giacomo Devoto vi vede l’incrocio tra escharbot, “scarafaggio”, e scarabèo, per via della forma che hanno di solito gli scarabocchi, ovvero l’impronta di uno scarabeo. Anche per questo, il filo rosso che unisce gli appuntamenti della seconda edizione del festival è proprio l’indagine sui movimenti “animali” degli scarabocchi e le forme bizzarre che creano.

👀leggi il programma

😍 guarda le foto: parte I | parte II

2018 | Scarabocchi


Cosa sono esattamente gli scarabocchi? Il ponte che unisce disegno infantile e scrittura adulta? Casuale e malfatto, lo scarabocchio sfugge al controllo della mente, è un atto involontario che produce una forma distratta, chiave d’accesso al mondo interiore del bambino che l’ha prodotta ma anche dell’adulto che ha tracciato dei segni sul foglio, magari sovrappensiero, mentre è intento in altro. Lo scarabocchio è un filo ingarbugliato che unisce e ricorda ai grandi la propria età bambina.

👀leggi il programma

😍guarda le foto